CD ANel pensiero greco arcaico Mnemosine era la dea della memoria, dispensatrice dell'ispirazione poetica, a riconoscere e sacralizzare il valore della memoria in una civiltà. Ricordare è salvare dalla morte, richiamare in vita.
Le classi subalterne hanno da sempre affidato il loro patrimonio culturale alla memoria, e l'arte del narratore è l'arte della memoria, e a sua volta chi ascolta sarà narratore e portatore di memoria. Il narratore esercita un'azione creativa, vitalizzando con l'improvvisazione e l'interpretazione: il racconto, il canto, non vengono ripetuti meccanicamente.
La cultura popolare, quotidiana, autonoma e collettiva, à nel qui e ora; la sua forza espressiva si esaurisce al momento, in un gesto, una battuta, un ballo, un canto, esprimendo l'identità e la sensibilità di un popolo. Quello che si conserva e si tramanda è il modulo, la modalità.
Ricordare à portare un messaggio nel presente: il vate che manteneva vivo il ricordo, la memoria delle sue genti, era anche il veggente. Infatti il tempo astorico à dato dalle dinamiche umane, paradigmi presenti nel passato come nel presente e nel futuro. Un filo che lega generazioni e genti oltre la Storia.

 

card

 

La multiproduzione 

La Ponentino Trio Card è una forma semplice di multiproduzione. 
La multiproduzione è un percorso/esperimento nato dall'esigenza reale di produzione di un CD. 
La Ponentino Trio Card, venduta durante il periodo di registrazione, ha dato la possibilità di realizzare "Roma, lo senti er Ponentino?". Attraverso una modalità allargata, chi sostiene il progetto ne diventa parte attiva: i ruoli contrapposti di produttore e consumatore vengono, così, a coincidere, trasformando un progetto individuale in un processo collettivo.

 

 

Registrato a Roma nell'autunno 2005

Tecnic@ del suono: Massimo Megale, Valentina Vitone
Studio di registraziopne: MUSICAFORTE
Masterizzato da: Reference Mastering Studio
Progetto grafico: chet_Grafik - Ponentino Trio
Foto: Luigi Narici - Erico Moreira

Grazie a:
Roma, tutt@ i multiproduttor@,
csoa Forte Prenestino, 
Connetivo terraTERRA, Lo Yeti; 
Ai Tre scalini, Seasun, 
e tutte le persone che per strada ci hanno sostenuto.

Hanno collaborato alla realizzazione:
Daniele Mutino (fisarmonica)
Alecsandr Zaric (mandolino - chitarra - flauto)
Luca Pagliani (chitarra)